Aglio, olio e peperoncino

Chi non è da sempre innammorato di questo piatto? Lo vorrei invitare a cena per fargli cambiare idea. Quante nottate sono state risolte da questo piatto di emergenza. Gli ingredienti sono pochi, qualche variante è consentita e i modi di prepararlo sono tantissimi. Ogniuno ha la sua versione, che interpreta a modo suo senza mai abbandonare mai il composto di base, aglio, olio e peperoncino.

Questa è la mia versione.

Se trovate in fondo al frigo uno spicchio d’aglio ormai germogliato, che trascorre la sua vita al freddo e al buio senza chiedere nulla, potete agire nei seguenti modi: non avere pietà, toglierli il germoglio e procedete. Mettere sul fuoco una grossa pentola con abbondante acqua, salate quando l’acqua bolle e buttate la pasta. In un pentolino mettete un dito d’acqua e versate l’olio magari extravergine necessario, uno spicchio d’aglio tagliato a piacere e il peperoncino.

Perchè l’acqua? Per creare una separazione tra l’olio e il fuoco. In questo modo, scaldando il pentolino, sarà l’acqua a scaldare l’olio senza farlo frigere, risulterà più leggero. Intanto, fate tostare in un pentolino del pane grattuggiato, senza bruciarlo. Preparate del prezzemolo fresco, se non lo tritare, non rimarrà incastrato tra i denti e sarà più gradevole parlare dopo la cena notturna improvvisata.

Tenete pronti due filetti di pomodoro. Quando la pasta sarà ben scolata, unite il tutto: la pasta, l’aglio, l’olio, il peperoncino e il dito d’acqua presente, il pangrattato tostato, il prezzemolo i filetti di pomodoro. Mescolate con cura e tuffatevi in questa orgia di sapori e buona nottata.

Alcuni di questi ingredineti li potete trovare nel nostro sito laspesacasa.it.